giovedì, 28 Settembre, 2023
giovedì, 28 Settembre, 2023
Home Qualcosa dall'Italia Patrick Zaki è libero

Patrick Zaki è libero

by Agi
3 minuti di lettura

Il ricercatore Patrick Zaki, graziato mercoledì dal presidente egiziano al-Sisi, è stato rilasciato dal carcere in cui era detenuto al Cairo. Potrebbe già oggi lasciare l’Egitto e arrivare in Italia.

“Sono davvero contento: temevo di passare un altro anno e due mesi in carcere, ora spero di tornare presto in Italia“: sono le prime parole di Zaki, all’uscita dal carcere di Mansura  pronunciate in inglese ai microfoni Rai.  

L’università fa festa

L’Assemblea dei Rettori, riunita per celebrare il sessantesimo anniversario della Crui, si è fermata per un minuto e ha applaudito l’epilogo atteso da anni. 

“La libertà di espressione è un diritto fondamentale che l’università non solo insegna – ha detto Salvatore Cuzzocrea, presidente della Crui – ma costruisce un mattone alla volta nella pratica quotidiana del pensiero critico. La libertà di Patrick è in questo senso una vittoria di tutto quel movimento, pacifico e determinato, che per anni non ha mai smesso di lottare e sperare. Ovviamente, il ringraziamento della comunità accademica tutta va anche alle istituzioni che hanno portato avanti le delicatissime interlocuzioni diplomatiche e alla missione in Egitto dei ministri Bernini e Tajani che hanno permesso il concretizzarsi di questo risultato. Per l’università italiana oggi è un giorno felice”.

Durante l’assemblea i rettori hanno auspicato risultati analoghi per altri due casi che li preoccupano: da una parte, il caso di Giulio Regeni, ancora in attesa di una risposta chiarificatrice; dall’altra, la detenzione del ricercatore dell’Università del Piemonte Orientale, Ahmadreza Djalali, trattenuto nel braccio della morte in Iran e accusato di spionaggio nonostante l’assenza di prove. 

Tajani: nessuna contropartita

Il ministro degli Esteri rivendica il ruolo giocato dalla diplomazia, assieme all’intelligence, per la liberazione di Patrick Zaki ed esclude che ci siano stati “baratti” con la ricerca della verità nel caso Regeni. Parlando a Radio 24, Antonio Tajani ha ricordato le sue “due missioni in Egitto, gli incontri con Sisi dove ho più volte ribadito la necessità di liberare questo giovane, e ricordo sempre di essere stato ottimista dopo gli incontri al Cairo”. “È stato un lavoro corale” ha sottolineato, “ma non c’è stato nessun baratto, nessuna trattativa sottobanco: siamo persone serie” e sul caso Regeni “continueremo a chiedere che si faccia luce sulla vicenda, come abbiamo sempre fatto”. Intanto però “abbiamo portato a casa la liberazione e la grazia per questo giovane ricercatore, credo che il governo abbia ottenuto un risultato molto importante”. 

Di cosa è accusato Zaki

Il ricercatore era accusato di fare propaganda tendenziosa con le false informazioni contenute in un suo articolo in cui denuncia le discriminazioni contro i cristiani copti in Egitto.

L’articolo risale al 2020, pubblicato su un sito online, racconta le violazioni dei diritti della più importante minoranza cristiana in Medio Oriente cui appartiene circa  il 15% dei 105 milioni di egiziani.

Ricercatore sulle tematiche relative ai generi all’ Eipr (l’Initiative égyptienne pour les droits personnels) Zaki era stato arrestato nel 2020 per terrorismo di ritorno dall’Italia dove studiava all’Università di Bologna.

Fonte

About Us

Siamo un gruppo di amici italiani a Sofia. Ci piace leggere il giornale e le notizie in tempo reale.

@2023 – All Right Reserved. Designed and Developed by ecodisofia.net

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Supponiamo che tu sia d'accordo con questo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetto Leggi Tutto