19.8 C
Sofia
martedì, Luglio 5, 2022

Il gabinetto del premier bulgaro Petkov perde la mozione di sfiducia al Parlamento

...da leggere assolutamente

Il governo del primo ministro Kiril Petkov ha perso una mozione di sfiducia in Parlamento il 22 giugno, con 123 parlamentari che hanno votato a favore della mozione, 116 contrari e nessuna astensione. La votazione si è svolta 24 ore dopo la fine di una lunga sessione discussione nell'Assemblea Nazionale.

Questo risultato era previsto, dato che il presentatore via cavo Slavi Trifonov ritirato il suo partito ITN della coalizione di governo all'inizio di questo mese, citando le questioni della Macedonia del Nord e la revisione del bilancio.

La scorsa settimana i parlamentari hanno votato a favore cacciare Nikola Minchev, da We Continue the Change di Petkov, in qualità di Presidente del Parlamento, una mossa che è stata vista come un test se la mozione di sfiducia avesse una possibilità di passare.

I voti a favore della mozione di sfiducia sono arrivati dall'opposizione GERB-UDF dell'ex primo ministro Boiko Borissov, Movimento per i diritti e le libertà (MRF) a maggioranza turca, ITN di Trifonov e il filorusso Vuzrazhdane.

Petkov aveva cercato sostegno per il suo gabinetto da singoli parlamentari ITN, ma i suoi sforzi hanno avuto un successo limitato, con solo sei parlamentari disertando da ITN.

Prima del voto, Petkov ha detto che avrebbe cercato di formare altro governo se la mozione fosse approvata, con il sostegno di parlamentari più indipendenti se altri si dimettessero dal gruppo di ITN.

In brevi osservazioni dopo il voto, Petkov ha affermato che "è stato un onore guidare un governo che è stato rovesciato dal [controverso deputato MRF e uomo d'affari Delyan] Peevski, Borissov, Trifonov e [l'ambasciatrice russa Eleonora] Mitrofanova".

Sebbene il governo abbia perso il voto, il WCC avrà un'altra opportunità per formare un governo poiché riceverà il primo mandato dal presidente Roumen Radev.

La Bulgaria democratica di centrodestra e il Partito socialista bulgaro di sinistra hanno affermato che intendevano rimanere parte della coalizione guidata dal WCC.

Se questi sforzi non avranno successo, il secondo mandato andrebbe a GERB-UDF, che ha ottenuto la seconda percentuale di voti alle elezioni del novembre 2021.

Se anche questo dovesse fallire, Radev sceglierà a quale altro gruppo parlamentare affidare il terzo mandato. Solo se questo tentativo fallirà, Radev scioglierà l'Assemblea nazionale e organizzerà elezioni anticipate, con un gabinetto provvisorio nominato dal Presidente che entrerà in carica nel frattempo.

(Foto: parlamento.bg)

Sostieni il giornalismo indipendente facendo clic sul pulsante arancione in basso. Per un minimo di tre euro al mese o l'equivalente in altre valute, puoi supportare The Sofia Globe tramite patreon.com e ottenere l'accesso a contenuti esclusivi per soli abbonati:

Diventa un mecenate!

Condividi questo:

Commenti

Commenti

- Advertisement -spot_img

Altri articoli

- Advertisement -spot_img

Ultimissime