19.8 C
Sofia
martedì, Luglio 5, 2022

La chiesa russa

...da leggere assolutamente

By SiefkinDR – Own work, Public Domain, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3717950

La Chiesa Russa (bulgaro: Руска църква, romanizzato: Ruska tsarkva), ufficialmente conosciuta come la Chiesa di San Nicola il Miracoloso (bulgaro: църква „Св. Николай Чудотворец“, romanizzato: tsarkva “Sv. Nikolay”), è una chiesa ortodossa russa nel centro di Sofia, situata su Tsar Osvoboditel Boulevard.

Storia e architettura

La chiesa fu costruita sul sito della Moschea Saray, che fu distrutta nel 1882, dopo la liberazione della Bulgaria dalla Russia dall’Impero Ottomano. Fu costruita come chiesa ufficiale dell’ambasciata russa, che si trovava accanto, e della comunità russa a Sofia, e prese il nome, come era tradizione per le chiese diplomatiche, dal santo patrono dell’imperatore che governò la Russia al tempo, Nicola II di Russia. La chiesa è stata progettata dall’architetto russo Mikhail Preobrazhenski nello stile dell’architettura rinascimentale russa, con decorazioni ispirate alle chiese russe moscovita del XVII secolo. La costruzione fu supervisionata dall’architetto A. Smirnov, che stava costruendo la cattedrale Alexander Nevsky nelle vicinanze. La decorazione esterna di piastrelle multicolori è stata eseguita da G. Kislichev e gli affreschi interni sono stati dipinti da un team di artisti guidati da Vasily Perminov, che ha anche dipinto quelli nella cattedrale di Alexander Nevsky. Le cinque cupole sono rivestite d’oro. Le campane furono donate dall’imperatore Nicola II.

La costruzione iniziò nel 1907 e la chiesa fu consacrata nel 1914. La chiesa rimase aperta dopo la Rivoluzione russa e durante il periodo comunista in Bulgaria (1944-1989), sebbene i sacerdoti e i fedeli fossero attentamente controllati dalla polizia di sicurezza dello Stato.

L’esterno è stato recentemente restaurato dal governo russo. I murales interni sono oscurati dal fumo delle candele e dal tempo, e necessitano di restauro.

La cripta che ospita le spoglie del santo arcivescovo Serafino si trova sotto il piano principale della chiesa russa. Decine di persone visitano ancora la tomba dell’arcivescovo, morto nel 1950, pregando e lasciando bigliettini chiedendo l’esaudizione dei desideri.

da Wikipedia EN

- Advertisement -spot_img

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Ultimissime